Vai al contenuto

L’incremento dei costi non si arresta

Ritorno al menu principale

L’aumento dei costi medi di riparazione dei veicoli nuovi e usati prosegue senza sosta, come evidenzia la più recente analisi sul portafoglio assicurativo di CG Car-Garantie Versicherungs-AG, con i costi medi di riparazione che proseguono la loro crescita per il quinto anno consecutivo.

L'analisi annuale dei guasti di CarGarantie esamina la frequenza dei guasti nel settore dei veicoli nuovi e usati basandosi sul proprio portafoglio polizze. Per questa analisi ogni anno vengono prese in esame circa un milione di polizze attive su veicoli di tutti i marchi e modelli per qualsiasi durata, dai 12 ai 36 mesi. Sono anni che questa analisi evidenzia una costante crescita dei costi di riparazione.

Costo medio di riparazione 572 Euro
Se nel 2019 per una riparazione si dovevano spendere in media 551 Euro, nel 2020 l'importo è salito ad oltre 572 Euro, quindi con un salto paragonabile a quello avvenuto tra il 2018 e il 2019. Dal 2016 i costi medi sono aumentati complessamente di oltre 70 Euro e non si può escludere che questa tendenza prosegua, rivelando un aumento dei costi anche nei prossimi anni.

Il motore continua ad essere la componente più costosa
Considerando l’importo dei guasti liquidati, la situazione risulta inalterata rispetto al 2019. Nei veicoli usati troviamo ancora al primo posto, fra i guasti più costosi, il motore con il 23,6 % (anno precedente: 23,7 %), ben davanti all’impianto di alimentazione, compreso il turbocompressore, con il 18,8 % (anno precedente: 18,4 %) e il cambio con l’11,8 % (anno precedente: 12,1 %). Seguono poi, sempre con valori pressoché inalterati, l’impianto elettrico al 4° posto e l’impianto di climatizzazione al 5°.Nei veicoli nuovi la situazione è simile: il motore continua ad essere in testa alla classifica dei guasti più costosi, con una percentuale praticamente inalterata del 21,4 % (anno precedente: 21,5 %), seguito dall’impianto di alimentazione con il 20,7 % (anno precedente: 20,1 %) e dall’impianto elettrico con il 12,0 % (anno precedente: 11,0 %). Al 4° posto troviamo ancora il cambio, mentre al 5° si è inserita l’elettronica di comfort, precedendo l’impianto di climatizzazione che occupava questa posizione nel 2019.

La classifica in base alla frequenza dei guasti resta immutata
Le analogie con l’anno precedente si evidenziano anche nella classifica in base alla frequenza dei guasti. Sia per i veicoli nuovi che per quelli usati le percentuali delle componenti restano quasi immutate, presentando solo minime differenze. Le avarie più frequenti riguardano l’impianto di alimentazione, con una percentuale del 19,7 % nel 2020 (anno precedente: 19,5 %). Al 2° e al 3° posto seguono l’impianto elettrico con il 18,3 % (anno precedente: 18,0 %) e il motore con il 10,7 % (anno precedente: 10,8 %).
Anche nei veicoli nuovi sono l’impianto di alimentazione con il 20,2 % (anno precedente: 20,1 %) e l’impianto elettrico con il 18,7 % (anno precedente: 19,6 %) a guadagnarsi il 1° e il 2° posto. A differenza dei veicoli usati, nei veicoli nuovi, anche nel 2020, non è il motore a guadagnarsi il 3° posto ma l’elettronica di comfort, con una percentuale invariata del 10,7 %.

Resta inalterato il momento in cui si verifica il guasto
Mentre tra il 2018 e il 2019 si erano evidenziate minime variazioni nel momento di insorgenza del guasto, i numeri rimangono invece invariati nel periodo compreso tra il 2019 e il 2020. Il 29,0 % (anno precedente: 29,6 %) dei guasti nei veicoli usati si è manifestato entro i primi 5.000 km, il 19,4 % non prima di aver superato i 25.000 km (anno precedente: 18,37 %). Uno scostamento più significativo si osserva soltanto suddividendoli in base ai giorni: mentre nel 2019 il 21,1 % dei guasti si manifestava solo ben oltre i 360 giorni, nel 2020 la percentuale raggiunge addirittura il 22,9 %.

Gernot Kuen, Direttore di CarGarantie Italia:
“Negli ultimi cinque anni i costi medi di riparazione sono aumentati complessivamente del 15 %. Un tale incremento dovrebbe rappresentare un chiaro segnale per i proprietari dei veicoli e per le concessionarie che, di fronte a spese simili, vale la pena assicurarsi. A questo scopo CarGarantie offre una serie di prodotti che possono proteggere clienti e concessionarie da costi imprevisti, con evidenti vantaggi per entrambi in termini di sicurezza, di stabilità finanziaria e anche di fiducia. È proprio in tempi come questi che le concessionarie possono garantirsi la fedeltà dei propri clienti nel tempo.”

 

Immagine aperta in sovrapposizione